170mila persone hanno depositato Biotestamento. Manca l’informazione!

  • Post Category:Articoli

Newsletter campagna Eutanasia Legale

Tra i 20 comuni con meno testamenti biologici depositati in rapporto alla popolazione, 3 sono in Sicilia, 3 nel Lazio, 3 in Calabria e 3 in Lombardia. In coda: Trapani, L’Aquila e Roma.

Grazie a un accesso agli atti promosso dall’Associazione Luca Coscioni è emerso che nei principali 73 Comuni italiani sono state depositate 37.493 DAT con un +23% nei primi tre trimestri del 2019 rispetto ai primi tre trimestri del 2018. Proiettando questo dato sul totale della popolazione italiana, è ipotizzabile che ad ottobre 2019 siano state depositate circa 170mila DAT (1 cittadino ogni 355 abitanti, comprendendo anche i minori di 18 anni).

Nessuna Regione italiana ha inserito le DAT nel fascicolo sanitario elettronico, come da possibilità prevista dalla legge. Inoltre, a livello istituzionale, non è ancora stata condotta alcuna campagna informativa sul tema.

Secondo una ricerca SWG, per l’84% degli italiani le istituzioni non hanno correttamente informato i cittadini sui loro diritti e su come redigere un testamento biologico; mentre il 71% non è a conoscenza del procedimento per il deposito delle DAT.

Tra le buone notizie dobbiamo segnalare la firma del decreto per l’istituzione della Banca dati nazionale delle DAT da parte del Ministro SperanzaGli impedimenti burocratici per il registro nazionale sono quindi superati. Ora bisogna passare all’istituzione vera e propria della Banca dati (che per legge doveva essere attiva entro il 30 giugno 2018).