Disobbedienza civile e Cannabis. Ne parliamo con Marco Cappato

Ciao ragazzi, sono passati 10 giorni da quando sono stato fermato davanti al Parlamento con la mia pianta di cannabis autocoltivata e sto ancora aspettando la notifica di convalida del verbale, quindi non ho per il momento aggiornamenti sul fronte disobbedienza civile se non che, martedì 7 luglio a mezzogiorno terrò una conferenza stampa alla Camera dei Deputati insieme ai parlamentari Riccardo Magi, Matteo Mantero, Caterina Licatini ed Aldo Penna per rilanciare fin da subito la nostra azione. Niente spoiler per il momento, vi invito a seguire la diretta dalla pagina Facebook di Meglio Legale: https://www.facebook.com/MeglioLegale

Volevo ringraziare nuovamente tutte le persone che hanno deciso di donare per sostenere le spese legali di questa azione (se non l’hai ancora fatto puoi farlo da qui: https://megliolegale.nationbuilder.co…) e vi ricordo che i fondi raccolti non andranno a coprire solo le spese del mio processo, ma di tutte le persone fermate nel corso di questa disobbedienza.

Dopo l’appello dell’ultima settimana diverse aziende italiane si sono fatte avanti e i ragazzi di Meglio Legale stanno prendendo accordi. L’unica che ha veramente dato un grandissimo sostegno economico per il momento è Just Mary che ringrazio.

Just Mary (https://www.justmary.fun/) è un delivery di cannabis light e consegna in giornata dalle 17 alle 24 a Milano – Monza – Firenze – Torino – Roma, in tutta Italia entro 48 ore e in tutta Europa entro 72 ore. Se altre aziende volessero sostenere le spese legali della disobbedienza civile darò anche a voi lo stesso spazio in questi video. Per informazioni potete contattare antonella.soldo@megliolegale.it

Oggi parliamo di cannabis con Marco Cappato, tra le altre cose autore di “Credere, disobbedire, combattere” che trovate qui: https://amzn.to/2BKzebV.

Marco Cappato ha iniziato la sua stagione di disobbedienze civili nel 2001, per manifestare l’opposizione a una lunga serie d’arresti per possesso di piccole quantità di cannabis avvenuti in Gran Bretagna in quel periodo. All’epoca era europarlamentare e si presentò alle forze dell’ordine consegnando dell’hashish e sottoponendosi volontariamente all’arresto a Manchester. Rimase 4 giorni in galera facendo aprire un dibattito in Parlamento Europeo per la declassificazione della cannabis dalla tabella delle droghe.
Nel 2012 decise di recarsi a Maastricht, nei Paesi Bassi, per compiere un nuovo gesto di disobbedienza civile per opporsi alla nuova legge del governo provinciale del Limburgo che avrebbe voluto proibire ai non residenti olandesi il consumo di droghe leggere nei coffee-shop.

Da quel momento le disobbedienze civili furono continue fino a quella del 2017 sui diritti del fine vita con l’accompagnamento di Dj Fabo in Svizzera. Grazie a questa azione è ora possibile in Italia ottenere il suicidio medicalmente assistito a determinate condizioni. L’8 luglio riprenderà un processo nei suoi confronti per l’aiuto dato a Davide Trentini insieme a Mina Welby.

Anche lui sta coltivando con l’iniziativa #IoColtivo.