Citazioni

Testamento biologico o DAT, così si possono scegliere le terapie di fine vita

Corriere.it – «Non si possono dare disposizioni su trattamenti sanitari contrari alle norme, come per esempio l’eutanasia» avverte Matteo Mainardi, dell’Associazione Luca Coscioni. «Si può invece disporre che si rifiutano la nutrizione e l’idratazione artificiale, che la legge considera trattamenti sanitari, per cui oggi il medico che rispetta le volontà del paziente è esente da responsabilità civile e penale».

Speranza risponde all’interrogazione sulle DAT

Italia Oggi – «Grazie a questa banca dati verranno meno gran parte degli ostacoli che si frappongono tra quanto previsto dalla legge e quanto accade realmente nel fine vita degli italiani, dove il non rispetto delle volontà della persona paziente rimane purtroppo la regola a causa, troppo spesso, di impedimenti burocratici», hanno dichiarato Filomena Gallo e Matteo Mainardi, rispettivamente segretario e membro di giunta dell’Associazione Luca Coscioni.

Gallo (Ass. Coscioni): “Positive parole ministro Speranza. Attendiamo banca dati entro 16 dicembre”

QuotidianoSanità – “Grazie a questa Banca dati verranno meno gran parte degli ostacoli che si frappongono tra quanto previsto dalla legge e quanto accade realmente nel fine vita degli italiani, dove il non rispetto delle volontà della persona paziente rimane purtroppo la regola a causa, troppo spesso, di impedimenti burocratici” hanno dichiarato Filomena Gallo e Matteo Mainardi.

Fabiano Antoniani e Valeria Imbrogno

La dignità del fine vita

LEFT – «L’Italia ha fatto sicuramente un passo avanti nel 2017 con la legge sul testamento biologico che, oltre ad aver riconosciuto il valore giuridico delle disposizioni anticipate di trattamento, prevede anche il consenso informato e questo consente che persone nelle condizioni di Piergiorgio Welby, coscienti ma attaccati a una macchina, possano essere accompagnati alla morte con la redazione profonda e le cure palliativo», dice a Left Matteo Mainardi, coordinatore della campagna Eutanasia legale, per il quale il «dato politico» è che, se è vero che la Lega ha bloccato il dibattito nelle commissioni, il Parlamento è muto dal 2013 da quando è stata presentata la legge di iniziativa popolare.

Ass. Coscioni: “Ostacoli tecnici non giustificano violazione legge”

Quotidiano Sanità – “I cittadini sarebbero infatti dovuti tornare nel proprio Comune di nascita per depositare le DAT, invece di poterlo fare (come oggi avviene) nel Comune di residenza”. Così Matteo Mainardi e Marco Cappato, a nome dell’Associazione Luca Coscioni.

Giovedi 18 aprile a Firenze incontro “Dialoghi sul potere”

Radicali.it – Si confronteranno Luigi Manconi, presidente di A Buon Diritto, Francesca Scopelliti, giornalista e compagna di Enzo Tortora, Vincenzo Mattina, giornalista e sindacalista, Matteo Mainardi, dell’Associazione Luca Coscioni, coordinatore della campagna “EutanaSia Legale”, e Antonella Soldo, Tesoriera di Radicali Italiani.