disobbedienza civile

Cannabis: il mio coming out in Parlamento

Cannabis: il mio coming out in Parlamento

Questa settimana è stata però ricca di avvenimenti e oggi ve li farò vedere a partire dal 7 luglio quando sono intervenuto ad una conferenza stampa all’interno della Camera dei Deputati insieme ai parlamentari e alle persone che stanno lavorando a Meglio Legale.

Matteo Mainardi - Ho portato la cannabis in Parlamento!

Come è avvenuto VERAMENTE il mio fermo per una pianta di Cannabis in Parlamento?

Per 9 settimane consecutive avete visto crescere le mie piante di cannabis. Come vi ho sempre detto ne avrei tenuta solo una e dato che tutte e tre avevano iniziato la fioritura, ho dovuto farne fuori due (un momento tragico che mi ha spezzato il cuore), mentre la sopravvissuta l’ho usata per attivare la disobbedienza civile portandola con me davanti a Montecitorio.

matteo mainardi fermato piazza montecitorio

Attivista fermato con la cannabis a Montecitorio: “Voglio un processo”

Le Iene – L’attivista dell’associazione Luca Coscioni, Matteo Mainardi, è stato fermato in piazza Montecitorio per aver portato una pianta di cannabis che sta coltivando dal 20 aprile: “È una forma di disobbedienza civile, vogliamo smontare le leggi che proibiscono la cannabis”.

Davanti a Montecitorio la manifestazione “Io Coltivo”

AskaNews – “La disobbedienza civile ora ha inizio. Dopo l’autocoltivazione e due ore di fermo per aver portato la mia pianta a Montecitorio avrò l’occasione di andare in Tribunale per lottare contro il proibizionismo”, ha scritto su Twitter Mainardi.